Su 'Il Giornale Digitale' Antonio Onorato racconta della sua più grande passione: quella per la musica, da sempre sua compagna di vita

anto

C’è un nesso tra la musica e la vita che ha a che fare con il misticismo.
Questo è quanto emerge da un artista come Antonio Onorato che ha raccontato a’ Il Giornale Digitale della musica, la sua più grande passione, del Jazz, quella disciplina che non è per tutti, e dell’amore per i Paesi Vesuviani, che ti donano una carica vulcanica ineguagliabile.

Chitarrista per passione e per lavoro. Da anni al fianco di Pino Daniele. Ma al di là delle corde e dei palchi, chi è Antonio Onorato?

Antonio: Una persona semplice e che conduce una vita normalissima, come tutti, ma che ha una grande passione per la musica. Vivo per la musica e anche quando non lavoro le miei giornate sono dedicate ad essa. Studio tantissimo, mi esercito molto ogni giorno. È il sacrificio di chi ha una grande passione. Pensa che quando ero piccolo i miei amici mi venivano a chiamare per andare a giocare a pallone e io rispondevo: “Ci vediamo più tardi, vi raggiungo” e intanto rimanevo con la mia chitarra a suonare e a studiare scale e arpeggi che ancora non conoscevo bene.

Originario della provincia di Napoli.
Che rapporto hai con la tua terra?

Antonio: Io amo Torre del Greco. Questi Vesuvuiani sono paesi speciali. Discuto spesso della diversità che c’è tra i musicisti Napoletani e quelli Vesuviani. I musicisti che vengono dai Paesi Vesuviani, infatti, hanno una caratteristica diversa, hanno una parte vulcanica, magmatica, oltre all’influenza del Golfo di Napoli e, quindi, del mare e del suo clima. Noi subiamo anche l’influenza del Vesuvio. Quando ero piccolo, lo faccio ancora oggi a dire il vero, salivo sul Vesuvio per ascoltare quel brusio che ti porta i rumori della città che c’è sotto. È un’esperienza mistica che bisogna provare per poter capire.

Ho sempre vissuto alle pendici del Vesuvio e le persone mi hanno sempre detto: “Tu sei pazzo. Ma come fai, non hai paura? Questa è una polveriera”. Rispondevo che dopo un po’ ci si fa l’abitudine e che, in realtà, il Vesuvio diventa un tuo amico. Un’entità con cui parlare e dalla quale prendere energia.

Socialmente quanto ritieni sia importante la musica?

Antonio: Mi ricordo un’intervista di Carlos Santana nella quale diceva che la musica alla lunga è più potente delle bombe di Bush. La musica è un mezzo potentissimo. Prima di suonare io cerco sempre di captare tutta l’energia per farla fluire attraverso di me e regalarla al pubblico. Quando si va ai concerti bisognerebbe focalizzarsi su questa cosa, bisognerebbe restare concentrati e non distrarsi mai perché in quel momento si sta ricevendo un’energia positiva che è terapeutica. Pubblico e artista diventano un tutt’uno. E questo ci fa ritornare ad una sensazione primordiale, ovvero che noi siamo tutti uno solo. Lo dicevano gli Indiani d’America e se noi capissimo questo concetto, l’umanità progredirebbe molto.

La musica di fatto avvicina le persone. Come ne caso di te e Pino Daniele, è più di 20 anni che lavorate assieme, che rapporto avete?

Antonio: Il rapporto con Pino è un rapporto stupendo, di amicizia e di stima reciproca. Seguo Pino da quando ero un bambino, lui è uno dei miei musicisti preferiti da sempre a livello mondiale. Quando poi ho avuto modo di conoscerlo e poi di collaborare con lui per me è stata la realizzazione di un sogno.

Un concerto che ti ha lasciato un ricordo speciale che hai piacere di condividere con noi?

Antonio: Ce ne sono diversi, ma il concerto che ho fato al Blue Note di New York lo ricorderò per sempre. Il Blu Note è proprio il tempio del jazz, è il club jazz per antonomasia in cui hanno suonato i musicisti jazz più grandi di tutti i tempi come Louis Armstrong. E quando è successo a me di suonare lì è stata una delle emozioni più grandi della mia vita. La serata si chiamava “Jazz made in Naples” e quando mi hanno presentato, con tanto di presentazione all’americana with Antonio Onorato è stata un’emozione unica.

Sei considerato uno dei maggiori esponenti del Jazz. Cosa ti ha fatto decidere di dedicare la tua vita proprio a questo genere di musica?

Antonio: Per me il jazz è stato un approdo naturale. Premetto che amo tutta la musica: il rock, il blues, la musica classica, quella pop se fatta bene. Ma il Jazz mi rispecchia: io sono un po’ un ricercatore e il jazz è quella musica che ti da la possibilità di esprimere quanto hai immagazzinato attraverso la tua ricerca. Conta molto l’improvvisazione. Hai un canovaccio da seguire e attorno a quel canovaccio, sera dopo sera, tu aggiungi delle cose. Non è facile perché presuppone un grande studio e una grande padronanza linguistica. Il Jazz è una sfida continua. Ecco perché o lo si odia o lo si ama: non è per tutti.

Se dovessi, oggi, esprimere un desiderio per il tuo successo professionale, quale sarebbe?

Antonio: I sogni non finiscono mai, se smettiamo di sognare abbiamo finito un po’ di vivere e quindi sì. Io scrivo anche musiche per orchestra, uno dei miei sogni che mi piacerebbe vedere realizzato è una grande tournée nei grandi teatri di Europa con un’orchestra sinfonica che esegue le mie composizioni.

Ci sono nuovi programmi all’orizzonte?

Antonio: Sì, sto scrivendo i brani del mio nuovo disco. Adesso sono in quella fase in cui li scrivo, li lascio lì qualche giorno e poi li rileggo e decido se mi piacciono o no, ma uscirà a breve.

Grazie Antonio, prima di salutarti ti chiedo se c’è qualcosa che vuoi aggiungere?

Antonio: No, direi che abbiamo parlato di cose interessanti e sono contento di quello che ci siamo detti, è emerso – credo – qualcosa che va al di là della professione: la passione, la musica, la vita. Grazie a te.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utenti On line

Abbiamo 43 visitatori e nessun utente online

logo-sponz-20151

 

logo

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

museo1

 

logoantonioonorato


 

catering

701215
Oggi
Ieri
Questa Settimana
La settimana scorsa
Questo Mese
Il mese scorso
Da sempre
79
116
731
699411
4528
6231
701215
Il tuo IP 54.224.91.246
Server Time: 2018-06-22 11:19:03