FABER, VENTI ANNI DOPO.

FABER, VENTI ANNI DOPO.                    

Sono passati vent'anni dalla scomparsa di Fabrizio De André, morto l’11 gennaio 1999, un notevole lasso di tempo che non ha offuscato il valore culturale e popolare del suo lavoro.  De André si serviva della musica per raccontare l'uomo, la sua vita, le sue fragilità. Ha saputo portare al centro dell’attenzione chi da sempre era considerato e collocato ai margini della società.   Le sue opere sono un atto di coraggio che implicano il voler essere sé stessi, liberi da qualsiasi etichettatura sociale. Un atto che, spesso, si paga caro. 

«Ieri cantavo i vinti, oggi canto i futuri vincitori: i nomadi, le infinite prinçese, chiunque coltivi le proprie diversità con dignità e coraggio, attraversando i disagi dell’emarginazione con ’l’unico intento di rassomigliare a se stesso, è già di per sé un vincente» - FDA-

Lucrezia De Vito

Staff Aquilonia-Carbonara

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utenti On line

Abbiamo 6 visitatori e nessun utente online

logo-sponz-20151

 

logo

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

museo1

 

logoantonioonorato


 

catering

846400
Oggi
Ieri
Questa Settimana
La settimana scorsa
Questo Mese
Il mese scorso
Da sempre
123
164
1524
843342
4401
6671
846400
Il tuo IP 3.87.147.184
Server Time: 2019-05-19 17:14:05