1° Febbraio 1945: le prime donne italiane al voto

votodonneNel 1945  il Consiglio dei Ministri presieduto da Ivanoe Bonomi riconosce il voto femminile.

Oggi, a distanza di 69 anni, ricorre una data  importante: il suffragio universale, con Decreto Legislativo Luogotenenziale n. 23 del 1° febbraio 1945, “Estensione alle donne del diritto di voto”.

L’estensione porta la firma di Umberto di Savoia, su proposta di Palmiro Togliatti e Alcide De Gasperi, anche se fu solo un anno più tardi che le donne ebbero la possibilità di essere anche elette, oltre che eleggere.

In Italia il percorso che portò all’estensione del voto alle donne cominciò solo all’indomani dell’unificazione, avvenuta nel 1861, e comprendeva le donne che avessero compiuto la maggiore età (all’epoca 21 anni).

La prima occasione di voto sono state le elezioni amministrative fra il marzo e l’aprile del 1946 e subito dopo, il 2 giugno 1946, gli italiani il voto fu fondamentale per il referendum istituzionale tra Monarchia o Repubblica.

Ancora oggi, in realtà, vi sono donne vittime di abusi e preconcetti. Se infatti, da una parte, la donna dei nostri giorni è forte e sicura di sé, dall’altra deve fare i conti con una disparità sociale e professionale tipica della mentalità maschile.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utenti On line

Abbiamo 51 visitatori e nessun utente online

logo-sponz-20151

 

logo

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

museo1

 

logoantonioonorato


 

catering

721898
Oggi
Ieri
Questa Settimana
La settimana scorsa
Questo Mese
Il mese scorso
Da sempre
72
300
1571
718982
6444
6061
721898
Il tuo IP 54.161.71.87
Server Time: 2018-09-23 04:24:30