Fratelli Cervi, il ricordo settant’anni dopo l’eccidio.

cerviGelindo,Antenore,Aldo,Ferdinando,Agostino,Ovidio ed Ettore

Nella pianura reggiana, in località Campi Rossi si trova la casa della famiglia Cervi, ora trasformata in un museo.
Nel 1943 la dittatura fascista imperversa, nei fratelli Cervi cresce il disprezzo per gli squadroni di Mussolini che danno alle fiamme libri, le Case del Popolo e uccidono l’idea di libertà che il padre Alcide gli aveva instillato.
Iniziano così le loro prime attività clandestine antifasciste offrendo ospitalità ai combattenti partigiani, che in quella zona stavano formando i primi Gruppi di Azione Partigiana (GAP) e i primi Comitati di Liberazione Nazionale (CLN).
Il rischio di rappresaglie è forte.

Una sera di Novembre casa Cervi, viene accerchiata dai fascisti i quali intimano a tutti di uscire e di arrendersi.
Insieme con il padre vengono portati in prigione e la mattina del 28 Dicembre 1943 i fratelli vengono fatti uscire con il pretesto di dover andare a Parma per il processo. Alcide rimane da solo nella cella.
Aspetta il ritorno dei figli.
Non torneranno più.
Vengono portati nel Poligono del tiro a segno di Reggio Emilia e fucilati: il maggiore aveva 42 anni, il più piccolo 22.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utenti On line

Abbiamo 11 visitatori e nessun utente online

logo-sponz-20151

 

logo

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

museo1

 

logoantonioonorato


 

catering

753561
Oggi
Ieri
Questa Settimana
La settimana scorsa
Questo Mese
Il mese scorso
Da sempre
363
203
1773
747868
6443
11622
753561
Il tuo IP 34.203.225.78
Server Time: 2018-12-16 13:49:15