FEMMINICIDIO: GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

femminicidio

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la riflessione, in prosa e poesia, della Prof.ssa Giuseppina Nadia Tufano in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne

 

Il mio personale contributo nella ricorrenza della giornata mondiale sul Femminicidio è quello di parlare con il cuore a tutte quelle donne che prima ancora di subire violenze fisiche, subiscono violenze psicologiche. Oltre alla violenza fisica che lascia segni indelebili sul corpo e nell’anima, esiste un altro tipo di violenza altrettanto subdola e doppia, quella intimidatoria e verbale che alcuni uomini infliggono attraverso minacce silenziose perpetrate nel tempo, di nascosto; una violenza che esiste ma che non si vede, che non si sente e non ha nome, perché ad essa, abbiamo fatto l’abitudine. Contro questa violenza, meno quantificabile certo, ma altrettanto crudele che mortifica ed uccide l’anima , urlo la mia rabbia invitando tutti a dare l’allarme su ogni tipo di prepotenza che quotidianamente si nascondono anche sotto una semplice “battuta di spirito” .

Non penso di esagerare nell’asserire che è qui che il tarlo della violenza comincia a lavorare, in quello sfottò per cui si passa, quasi senza accorgesene, dal ridere di una caratteristica della persona a deridere la persona stessa, sottraendole in tal modo il diritto di sentirsi ed essere “persona”. Arrestare il tarlo fin dall’inizio del suo lavoro è forse l’unico modo per uscire dall’insensibilità e dall’ arrettratezza culturale di chi umilia ogni giorno prima se stesso e poi la donna che gli sta accanto.

Alle donne con i loro gesti quotidiani, legati alla famiglia, al marito, compagno, fidanzato, alla crescita dei figli, alla casa , alle donne che costruiscono a partire dalle piccole cose, alla pazienza millenaria delle donne, alle donne che difficilmente manderebbero in guerra un ragazzo, perché potrebbe essere suo figlio , io donna, un tempo ragazza, a cui è stato insegnato il rispetto per la diversità di generi, dico di rompere il silenzio perché il silenzio è la peggior violenza contro le donne.

 Poesia

 Corpo ambrato, profumato,

ammaliato dal vento

corpo di donna

lustrato da lacrime gonfie

di pioggia

e da raggi di sole.

Corpo di donna,

il mio, il tuo

tatuato con smagliature

che disegnano sulla pelle

stagioni di vita

di ieri , di oggi, di amore.

L’Associazione Politico-Culturale Aquilonia-Carbonara stigmatizza qualsiasi forma di violenza o sopruso (fisico e psicologico) nei confronti di madri, mogli, sorelle, figlie, compagne.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utenti On line

Abbiamo 10 visitatori e nessun utente online

logo-sponz-20151

 

logo

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

museo1

 

logoantonioonorato


 

catering

753856
Oggi
Ieri
Questa Settimana
La settimana scorsa
Questo Mese
Il mese scorso
Da sempre
200
458
200
751788
6738
11622
753856
Il tuo IP 54.227.31.145
Server Time: 2018-12-17 14:15:59