ARMATA SCHIACCIASASSI vs ARMATA BRANCALEONE

Stampa

logo-insieme

                                                                                         aquipop

               

Nell’uscita pubblica di ieri il Sindaco uscente ha apostrofato la nostra lista “Armata schiacciasassi”, a suo dire una lista formata da candidati scelti in rappresentanza di famiglie più o meno numerose, a differenza dei candidati della lista “Aquilonia Popolare” formata, invece, da gente capace che metterebbe a disposizione del bene comune il proprio tempo e la propria competenza (sic!?!).

Riteniamo che non vi siano sassi da schiacciare, tutt’al più sassi da rimuovere su alcune importanti arterie del nostro paese (cfr strada che collega il centro abitato alla diga, etc, etc), sassi che vengono continuamente rimossi da cittadini solerti, sassi che vengono ignorati dall’amministrazione (con il posizionamento di un semplice cartello “caduta massi” ritengono di essersi messi a posto la coscienza), fino a quando non sarà troppo tardi. Questi sassi sono l’emblema di questa maggioranza, della loro “operosità”, del loro modo di fare.

La lista “INSIEME per AQUILONIA” è una lista di tipo BOTTOM-UP, cioè nata dal basso, dal contatto continuo con tutto il tessuto sociale aquiloniese, da discussioni su argomenti e problematiche di interesse comune. I candidati della lista sono la sintesi di mesi e mesi di confronto democratico tra alcune forze politiche e sociali del nostro paese e si pone come alternativa all’attuale maggioranza assolutamente assente ed incapace; i cinque anni appena trascorsi saranno ricordati solo per il degrado in cui versa il nostro territorio, per le occasioni di sviluppo disattese e per la mancanza di progettualità .

Gli avversari, ancora una volta, hanno chiesto un confronto pubblico e ancora una volta è stato ribadito che non possa esserci alcuna comparazione tra un programma ben articolato (quello della lista “INSIEME per AQUILONIA” nato dagli incontri avuti con i cittadini e con tutte le associazioni di categoria) ed il loro costituito da una scarna elencazioni di punti. Infatti, l’elenco presentato dai nostri avversari (spacciato per programma elettorale) costituisce l’offesa più grave che questi signori potessero fare all’intelligenza del popolo aquiloniese. Basta andare sul sito ufficiale del comune per rendersi conto di persona delle cose dette innanzi. Probabilmente erano troppi impegnati ad incassare i NO di tanti cittadini che non hanno voluto far parte della loro lista, da preoccuparsi di stilare un programma degno di questo nome.

Il nostro laboratorio politico-culturale “AQUILONIA-CARBONARA” ha contribuito in modo fattivo alla costituzione della lista “INSIEME per AQUILONIA”, sin dal primo momento non ha mai fatto mancare il proprio contributo di idee, forte di un’esperienza politica e amministrativa che viene da lontano. Per questa tornata elettorale il nostro gruppo ha deciso di scendere in campo con due personalità di primo livello: Vito Maglione e Mirco Annunziata. Questi due candidati, come già affermato in altre circostanze, non sono frutto del caso ma di un ragionamento ponderato, abbiamo voluto, con questa scelta, premiare il costante impegno e la passione che essi hanno profuso specie nell’ultima legislatura. Sappiamo di aver fatto, con la doppia candidatura, una scelta coraggiosa ma confidiamo molto nell’attenta valutazione che i cittadini elettori faranno prima di recarsi alle urne. In fondo non ci siamo mai nascosti, non ci appartengono i cambi di casacca fatti per interessi egoistici e personali.

Vito e Mirco non sono un serbatoio di voti, essi hanno dalla loro parte la competenza, la serietà e l’impegno quotidiano, non sono dei “protagonisti improvvisati” o, peggio ancora, “di stagione”.

Fatta salva la dignità di tutti (chi decide di candidarsi e di mettere la propria faccia in una competizione elettorale va in ogni caso rispettato), ci pare che la lista del Sindaco uscente sia una lista di tipo TOP-DOWN (cioè calata dall’alto verso il basso) in cui ai vecchi intoccabili sono state aggregate altre pedine per riempire i vuoti che altri cittadini (uomini e donne) non hanno voluto colmare: il risultato è stato la costituzione di una ARMATA BRANCALEONE.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi informativa